Venerdì, 20 Aprile 2018

Appalti. Il Durc negativo non basta

www.cna.it-domenica, 22 marzo 2015

Appalti. Il Durc negativo non basta

Grazie al decreto Fare la presenza di un Durc negativo non può far revocare l’appalto all’azienda se non le fu concesso il termine di 15 giorni per regolarizzare la sua posizione: non riesce il tentativo della società concorrente, la quale tenta di far stabilire dal giudice che il vincitore della gara non aveva le carte in regola per aggiudicarsela. E’ quanto emerge dalla sentenza 781/15, pubblicata, dalla quinta sezione del Consiglio di stato.

Vizio irredimibile. Il documento unico di regolarità contributiva è rilasciato dalle casse edili, ex articolo 2 comma 2, del decreto del ministero del Lavoro del 24 ottobre 2007 sulla base di una convenzione con l’Inps e l’Inail. Prima dell’emissione  o dell’annullamento del documento già rilasciato, in mancanza dei requisiti di regolarità contributiva, le autorità << invitano l’interessato a regolarizzare la propria posizione entro un termine non superiore a 15 giorni>>. Nel frattempo è entrato in vigore il decreto legge 69/2013: il requisito della regolarità contributiva deve sussistere al momento di scadenza del termine di quindici giorni assegnato dall’ente previdenziale all’impresa per mettere a posto la sua posizione. E se il termine all’azienda non viene assegnato, il Durc negativo risulta viziato  in modo irrimediabile: non può dunque comportare l’esclusione dell’impresa dalla gara perché la violazione non può ritenersi accertata. Il decreto Fare, in sostanza, ha modificato la norma dell’articolo 38 del codice dei contratti pubblici laddove stabilisce che il requisito della regolarità contributiva deve sussistere alla data  di presentazione della domanda di partecipazione alla procedura concorsuale. E’ dunque confermata, nella specie, la sentenza del Tar: di fronte al Durc negativo riscontrato in capo all’impresa ausiliaria, la stazione appaltante ben poteva discostarsene e operare una propria valutazione sulla base delle circostanze dedotte dall’impresa aggiudicataria.

All’azienda concorrente non resta che pagare le spese di giudizio.

05.12.16

RINNOVATE L'ABBONAMENTO PER IL 2017

Come ogni anno, ESSERVICES, propone la possibilità di rinnovo e attivazione degli abbonamenti ai propri servizi con sconti e prozioni.

leggi
09.04.15

Soluzioni in Quota

S+ si propone di fornire un servizio specialistico di consulenza, progettazione, vendita e installazione sia nel campo dei sistemi di ancoraggio (EN 795) per l’accesso in quota (ancoraggi strutturali, linee vita flessibili o rigide, ancoraggi a gravità) sia nel campo dei dispositivi anticaduta di protezione collettiva (parapetti, fissi e mobili...)

leggi
VIDEO DEL MESE

Dimissioni telematiche, video tutorial per i Cittadini

Dal 12 marzo 2016 le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro devono essere presentate in modalità esclusivamente telematiche. Attraverso questa procedura potrai recedere dal rapporto di lavoro accedendo al portale www.lavoro.gov.it, sezione “Ultime Notizie”. Guarda il video tutorial.